La carica dei 200 piccoli "dobok" (divisa tipa degli atleti di taekwondo) si è conclusa con tante medaglie e tantissimi sorrisi di gioi da parte di bambini, genitori e maestri!

Ancora un grande successo della manifestazione giovanile arrivata alla sua 19° edizione, un raduno che coinvolge il settore taekwondo , quello dei primi passi, ma che da tanti anni dimostra di sfornare sempre nuovi campioni quando poi si affacciano all'agonismo. Quando si costruisce occorre sempre partire dalle basi e il Meeting giovanile racchiude una parte preparativa delle basi del taekwondo con le prove acrobatiche del "calcio in volo" e dei tradizionali "taegeuk" che unite alle prove di "combattimento senza contatto" e di "colpitori elettronici" della Columbus Cup di febbraio fanno si che i giovanissimi iniziano da subito a lavorare su coordinazione, velocità, acrobatica e fantasia. Capacità che daranno i loro frutti quando dovranno scendere sul tappeto per le prove di combattimento con conttto tipiche del taekwondo olimpico.

La classifica delle società ha visto la vittoria incontrastata della Scuola Tkd Genova dello Staff del Maestro Pietro Fugazza, seconda a sorpresa la Vitality del Maestro Bruno Delfino, terza la Scuola Tkd Genova Due della Maestra Roberta Lasagna, quarta la Black Dragon della giovane insegnate Giorgia Canepa, quinta la Dojan del Maestro Paolo Curto e aseguire le altre come la Olimpia Savona del Maestro giovanni Caddeo arrivata solo sesta, ma impegnata su due fronti a Genova con il Meeting e a Rozzano con gli Interregionali di Lombardia.

Queste le medaglie d'oro nel calcio in volo: Ludovica Fugazza, Fiamma Varotti, Giulia Benvenuto, Olivia Pratolongo, Riccardo Pastore, Riccardo Zirulia, Federico Serain, Fabrizio Stegani, Brandon Naranjo, Riccardo Volpe, Nicola Ferrari, Gaia Casarino, Greta Poggi, Alessandra Ferrari, Benedetta Pozzi, Sonam Carlini, Gabriele Genta, Michele Mancini, Gabriele Longo, Rejdi Nurja, Lorenzo Caputo,Fabio Mazzucchelli, Salvatore Lazzaro, Augusto Campazzo e Matteo Ferriani; Le medaglie d'oro nei taegeuk: Augusto Campazzo, Salvatore Lazzaro, Diego Solinas, Roberth Inga, Lorenzo Stocchi, Ricardo Benzi, Nicola Stegagnini, Luca Podestà, Brandon Amores, Francesco Tacchella, Gabriele Genta, Luca Gualdi, Nicola Ferrari, Manuele Micci, Leonardo Pittore, Gaia Casarino, Francesca Leonetti, Francesca Vallebuona, Margherita Fusi, Matilde Crovetto, Sofia Capaldini, Valentina Vaccaro, Benedetta Pozzi, Manuel Fortuna, Ettore Scotto, Francesco Torrisi, Jacopo Piccinini, Giulia Benvenuto e Michela Traverso.

Un grande successo della squadra ligure ed una grande riconferma ai vertici del taekwondo nel Nord Italia. Prima in classifica la Squadra Ligure di taekwondo capitanata dal Maestro Sandro Cappello e coadiuvato dai Maestri Giovanni Caddeo e Pietro Fugazza, ha riconfermato la sua grande superiorità nei confronti di Regioni più grandi come Toscana (seconda) e Lombardia (terza) oltre a Veneto (Regione ospitante) e al Piemonte.

Grande la gioia e soddisfazione di Laura Toma Presidente del Comitato ligure taekwondo al suo primo trofeo conquistato alla guida del movimento sempre in crescita negli ultimi anni.

La competizione, seppur nata come amichevole, non ha avuto nulla di amichevole e sin dai primi incontri, accesi erano gli animi di Coach e Presidenti nel seguire gli incontri dei loro atleti.

La gara a Squadre coinvolgeva glia atleti Cadetti, gli Juniores ed i Seniores. Trenta i liguri suddivisi nelle diverse categorie (un atleta per Regione) e a fine gara tutti a medaglia tranne uno con ben 13 medaglie d'oro: Andrea Montecchiesi -45 kg cadetti, Andrea Tiziano -48 kg junior, Alessandro Pileri -51 kg junior, Nicolò Dodero -55 kg junior, Mauro Faulisi -68 kg junior, Alessandro Garilli -78 kg junior, Gaia Gavarone -41 kg cadetti, Alessio Asti +65 kg cadetti, Giulia Corsanego -44 kg cadetti, Margherita Ramella -57 kg senior, Eljaik Jorhabib -54 kg senior, Giovanni Maglio -58 kg senior e Riccardo Persano -80 kg senior. Le cinque medaglie d'argento sono arrivate da parte di Eugenio Lagomarsino, Francesco Russo, Jago Campanella, Giulia Pirino e Lucia Carfora; mentre le undici medaglie di bronzo sono arrivate da Vingelle D'Agostino, Noemi Falcone, Alessio Tiziano, Lorenzo Rota, Nicola Madiai, Moreno Monticelli, Francesco Sola, Arianna Perozzi, Camilla Grillo, Desi Greco e Daniele Re.

13 atleti per 13 medaglie sono il bottino di medaglie ottenuto in Sardegna dalla Scuola Taekwondo Genova sabato 15 marzo agli Interregionali dell'isola.

7 sono le medaglie d'oro di Gaia Capurro, Augusto Campazzo, Sofia Capaldini, Emanuele Ferrari, Andrea Fossa, Greta Peyrone e Alessia Panza, 2 le medaglie d'argento di Brigida Bernardi e Giacomo Costella e 4 le medaglie di bronzo di Simone Colletti, Pietro Santamaria, Ivan Rodà e Benedetta Boccalari.

La giornata di gara di sabato era dedicata alle categorie cadetti dai 10 ai 13 anni e questi nuovi nomi li sentirete ancora perchè fanno parte di un vivai che continua a sfornare campioni e chissà se tra loro non ci sia un futuro come quello di Carlo Molfetta?

Questa gara è stata un primo assaggio per alcuni piccoli campioncini del vivaio Scuola Taekwondo Genova e a Biella il 5 aprile saranno molti di più a scendere in campo con il desiderio di ritornare tutti con una bella medaglia al collo!

Questo fine settimana il taekwondo ligure sarà impegnato su due fronti. Agli Interregionali di Sardegna, a Cagliari, si gareggerà in tutte le categorie di cintura e, quindi, sarà una buona occasione per far fare esperienza anche alle nuove leve. A Verona, gli agonisti cinture rosse e nere disputeranno una prova a squadre. La gara è riservata alle rappresentative regionali: oltre alla Liguria ed al Veneto, scendono in campo anche Piemonte, Lombardia, Veneto e Toscana. Lo scopo è di preparare ciascuna Regione per i prossimi Campionati Italiani a Squadre in programma ad Ancona sabato 25 e domenica 26 aprile. La rappresentativa ligure sarà diretta dal Maestro Sandro Cappello, coadiuvato dai Maestri Giovanni Caddeo e Pietro Fugazza. L'auspicio sarà anche quello di testare lo stato di forma dei ragazzi e l'acquisizione di particolari tecniche e tattiche più efficaci con il sistema delle corazze elettroniche. In gara, i Cadetti Gaia Gavarone, Giulia Corsanego, Vingelle d'Agostino, Noemi Falcone, Alessio Tiziano, Lorenzo Rota, Nicola Madiai, Andrea Montecchiesi, Jago Campanella, Moreno Monticelli, Francesco Sola, Alessio Asti, gli Junior Arianna Perozzi, Camilla Grillo, Giulia Pirino, Lucia Carfora, Andrea Tiziano, Alessandro Pileri, Nicolò Dodero, Alessio Amella, Mauro Faulisi, Francesco Russo e Alessandro Garilli, i Senior Margherita Ramella, Desi Greco, Eljaik Jorhabib, Giovanni Maglio, Eugenio Lagomarsino, Luca Scarano, Daniele Re e Riccardo Persano.

La giovane Campionessa Italiana della Scuola Taekwondo Genova difenderà i colori dell'Italia ai prossimi Mondiali Juniores in Cina Taipei. Lunedì è prevista la partenza per Roma al raduno nazionale dell'Acqua Acetosa sino al 13 di marzo, dopodichè subito partenza per l'Oriente dove necessita un periodo di ambientazione al fuso orario e gli azzurrini si alleneranno anche abituandosi al clima caldo-umido. I Mondiali incominceranno il 23 marzo e Giulia combatterà il 24 marzo nella categoria di peso -44 kg. Le possibilità di medaglia ci sono, ma per raggiungere il podio, Giulia dovrà vincere almeno 4 combattimenti e in una competizione mondiale non è proprio una cosa semplice. Vincerà chi avrà più voglia di vincere, perchè credo che le capacità le abbiano tutti a questi livelli. Sarà la determinazione e la massima concentrazione a fare la differenza e se Giulia saprà mixare le due cose avrà buone possibilità di salire sul podio. Per l'Italia e soprattutto per la nostra scuola è comunque motivo di orgoglio sapere di una nostra compagna convocata per una così importante manifestazione di sport. A lei vanno i nostri migliori auguri di successo per la gara e comunque vada la aspetteremo con un grande abbraccio al suo ritorno.

ITALIANI CADETTI  DI TAEKWONDO, NAPOLI 21-22-23 FEBBRAIO 2014

Non tornano a mani vuote gli atleti del Maestro Pietro Fugazza dalla tre giorni di Napoli. Il bottino non contiene ori e nuovi campioni italiani, ma ci sono andati molto vicini. L'argento di Alessio Asti ha un gusto troppo amaro. Se in partenza il sogno sarebbe stato solamente un bronzo, perdere una finale al quinto combattimento per 13 a 12  starebbe stretto a chiunque. Vincere il titolo avrebbe anche aperto le pote della nazionale e una probabile convocazione per i mondiali cadetti, invece per solo un punto si resta con l'amaro in bocca anche se consapevoli che un argento è pur sempre un risultato importantissimo in uno sport che giorno dopo giorno si dimostra essere meno "minore". I campionati italiani cadetti di quest'anno hanno visto sfidarsi ben 520 atleti con categorie che raggiungevano i 58 partecipanti. Per arrivare solo al bronzo necessitava vincere minimo 3/4 combattimenti, 5/6 con la finale e vi assicuro che il tutto in una sola giornata e veramente dura!

Un'altra medaglia, questa volta di bronzo arriva da Greta Peyrone al suo primo campionato cadetti. Anche per lei 3 combattimenti vinti e una sconfitta in semi finale che poteva anche essere ribaltata. Buone anche le prestazioni di Anna Piana che esce al primo incontro , ma solo al "golden point" del quarto round, di Giulia Corsanego e Vingelle D'Agostino che chiudono al quinto posto dopo aver comunque vinto due incontri Giulia ed uno Vingelle.

Prossimo appuntamento gli Interregionali di Sardegna ad Olbia e poi una serie di Internazionali prima di giungere ai Campionati Italiani a Squadre regionali di aprile ad Ancona per le categorie juniores e cadetti.