Domenica 2 aprile si è svolta al Palacus Di Genova la 22° edizione del Meeting di Taekwondo che ha visto la partecipazione di oltre 150 giovanissimi atleti provenienti dalla nostra regione.

La manifestazione ha visto sfidarsi le promesse del taekwondo in due prove di gara, quella dei "taegeuk" (combattimenti immaginari contro più avversari e quella più spettacolare ed acrobatica di "calcio in volo".

A farla da padrone ancora una volta la società organizzatrice, la Scuola Taekwondo Genova del Maestro Pietro Fugazza con 34 medaglie d'oro (Ismail Benzyane, Ludovica Fugazza 2, Uce Egelonu, Emanuele Fugazza, Alessio Egelonu, Matteo Cerrano, Aurora Mannu,  Iasmina Moraru, Ludovica Serain, Riccardo Caputo, Filippo Lampis, Brandon Naranjo, Federico Serain 2, Giulia Savio, Emma Caponi 2, Riccardo Pastore 2, Antonio Voltolina, Lucrezia Maloberti, Virginia Lampis, Nicolò Rebolino, Francesco Asquasciati, Jasmine Jabu, Silvia Vezzani, Lucrezia Pozzi, Glisha Radu, Fabrizio Stegani, Thomas Jerebic, Pierfilippo Maggioncalda e  Marta Ferraris), 31 medaglie d'argento ( Leonardo Ferrari, Emanuele Fugazza, David Ricciardi,  Vuiola Fregara, Sara Sciarrone, Virginia Lampis, Lucrezia Maloberti, Camilla Angelini, Jessica Jin, Fabrizio Stegani, Valerio Villegas, Giacomo Augeri, Antonipo Voltolina, Uche Egelonu, Matteo Armijos, Edoardo Cafasso, Brandon Naranjo, Valerio Villegas, Iasmina Moraru, Gabriele Btramato, Greta Molinari, Jessica Jin, Viola Fregara, Ludovica Serain, Guiodo Olimpo, Giacomo Augeri, Filippo Lampis, Glisha Radu e Melissa Rossi) e 37 medaglie di bronzo (  Gabriele Piga, Pietro Badini, Riccardo Dadero, Jacopo Lambruschini, Francesco Ascquasciati, Alessio Egelonu,  Gaia Calabrese, Emma Palladino, Camilla Reposi, Lucrezia Pozzi, Elisabetta Bozzo, Guido Olimpo, Matteo Armijos, Nicolò Rebolino, Mario Ronquillo, Nathan Piccinini, Ginevra Piga, Vittoria Dodero, Greta Molinari, Gaia Calabrese, Emma Palladino, Lorenzo Viti, Joshua Radu,  Pietro Savio, Tommaso Barbato 2, Marta Ferraris, Sara Sciarrone, Riccardo Caputo, Andrea Bottiglieri, Matteo Cerrano, Leonardo Ferrari, Giacomo Arvigo, Lorenzo Rotella e Ginevra Venturi); seconda classificata la Polisportica Città dei ragazzi del Maestro Andrea Marcato con 5 medaglie d'oro ,1 medaglia d'argento e 4 di bronzo; terza la Black Dragon della Maestra Giorgia Canepa con 4 medaglie d'oro , 6 medaglie d'argento e 5 medaglie di bronzo; quarta la Olimpia Savona del Maestro Giovanni Caddeo con 1 medaglia d'oro, 6 medaglie d'argento e 13 medaglie di bronzo; e quinta la Dojang del Maestro Paolo Curto con 1 medaglia d'oro , e 3 medaglie di bronzo.

Ancora una volta un grande successo di atleti e di partecipazione di pubblico. Le due gare, propedeutiche al combattimento olimpico del taekwondo, consentono di acquisire qualità tecniche con le forme e qualità atletiche e acrobatiche con i calci in volo.

Da queste prime esperienze di gara nascono i campioni del domani. Tra i testimonial, alle premiazioni era presente la quattro volte Campionessa Italiana Giulia Monteforte che proprio in età giovanile aveva già dimostrato doti tecniche e atletiche sia nelle forme che nei calci in volo!

L’aria di casa fa bene alle società liguri, che fanno incetta di medaglie ai campionati interregionali di forme, svoltisi domenica 19 marzo a Chiavari. Ottima la partecipazione con più di 400 atleti, provenienti da otto regioni (Liguria, Lombardia, Piemonte, Veneto, Toscana, Umbria, Sardegna e Sicilia) a sfidarsi in tutte le discipline: dal singolo alle gare in coppia e trio, fino al freestyle, vera novità della competizione che prevede l’esecuzione di combattimenti coreografati a tempo di musica. Inoltre, ha visto il suo esordio anche la categoria Parataekwondo, aperta agli atleti disabili. Un'introduzione che sicuramente inorgoglisce il movimento regionale.

Ospite d’onore della competizione, il maestro Andrea Notaro, responsabile nazionale del settore forme giunto a Chiavari alla ricerca di nuovi talenti. 

Ottima prestazione per la Scuola Genova (15 ori, 18 argenti e 16 bronzi): 1° posto assoluto giovanile e 2° tra gli adulti. 

 

Cinque medaglie al Sofia Open, sul podio anche Corsanego, Pirino, Traverso e Brugola.

È di ben cinque medaglie (un oro, un argento e tre bronzi) il bottino conquistato dalla Scuola Taekwondo Genova al Sofia Open, appuntamento tra i più importanti a livello europeo svoltosi nella capitale bulgara il 4 e 5 marzo. I ragazzi del Maestro Fugazza si sono confrontati con oltre 800 atleti provenienti da ogni parte del mondo, attratti dalla possibilità di ottenere, insieme ad una medaglia, anche importantissimi punti nel ranking olimpico. 

Tra i genovesi continua il momento magico di Augusto Campazzo, tredici anni, già campione italiano a novembre 2016 e capace di salire sul gradino più alto del podio dopo ben cinque incontri, dominati mentalmente e tecnicamente. “Devo essere sincero, non speravo di ottenere tanto da questa esperienza” - commenta Campazzo - “Sapevo che avrei trovato sulla mia strada avversari esperti, atleti nazionali che disputano abitualmente questo genere di competizioni, mentre per me si trattava del debutto. Ma il taekwondo è così, le gare si disputano in una sola giornata e, se riesci a restare concentrato, puoi davvero realizzare l’impresa”. Campazzo ha anche ricevuto le congratulazioni della Federazione Italiana. “I complimenti fanno piacere, ma tengo i piedi per terra. Oggi ho vinto, ma ogni gara fa storia a sé e domani qualcuno potrebbe eliminarmi al primo incontro”. Domani che per Augusto ha un nome preciso: Campionati Italiani Cadetti, in programma il 24 marzo a Pesaro. “Partirò per difendere il titolo. So avrò molti occhi addosso, ma resterò concentrato solo su di me per provare a ripetere la prestazione dello scorso anno e vincere ancora”.

A Sofia ha brillato anche un’altra delle stelline della Scuola Genova: Eleonora Traverso, già medaglia d’argento a febbraio in occasione dei Campionati europei per club, si è infatti piazzata sul gradino più basso del podio, confermando il suo ottimo momento di forma. “È stato emozionante salire sul tappeto e affrontare avversarie così forti, riuscendo anche a batterle. Dimostra che mi sto allenando nel modo giusto.” Questo il commento di Eleonora, che non sembra essere turbata dalle aspettative che crescono intorno a lei: “Essere una delle atlete da battere è una responsabilità  che non mi spaventa e che sosterrò con impegno ed entusiasmo”. Per lei, come per Augusto, il sogno è uno solo: continuare a vincere, per partecipare con la Nazionale Italiana agli Europei Cadetti di Settembre a Budapest.

A completamento di un weekend da incorniciare per il taekwondo genovese, sono poi arrivati altri tre podi. Due i bronzi, con Erica Brugola e Giorgia Pirino, anch’esse impegnate ai prossimi italiani di Pesaro, favorite d’obbligo per una medaglia. Argento infine per Giulia Corsanego, capace di eliminare la favoritissima atleta iraniana prima di arrendersi alla marchigiana Alessia Sturari in una finale tutta italiana che ha appassionato il pubblico presente al palazzetto.

Si fermano prima del podio gli altri genovesi: Andrea Fossa, Alessio Asti, Lorenzo Rota e Greta Peyrone. Per il taekwondo, ora l’attenzione si sposta sulle “forme”, con i campionati regionali di specialità in programma il 19 Marzo a Chiavari.

Domenica 12 febbraio si è svolta al Palacus di Genova la 23ma edizione della Columbus Cup, gara dedicata ai più giovani di combattimento senza contatto e colpitori elettronici.

Duecento piccoli atleti si sono sfidati con il sorriso nelle due prove e questo è stato il più grande successo. Una manifestazione giovani che giunge alla sua ventitreesima edizione con grande successo di pubblico e giovani atleti, un giorno di festa per i bambini ed il Taekwondo.

Tra le società primeggia la Scuola Genova del Maestro Pietro Fugazza con le 28 medaglie d'oro di Uche Egelonu, Leonardo Ferrari, Emanuele Fugazza (2), David Ricciardi (2), Alessia Sanguineti, Greta Molinari, Virginia Lampis (2), Pietro Savio, Gabriele Bramato, Riccardo Pastore (2), Jasmine Jabri, Nicolò Venuto, Lucrezia Maloberti (2), Matteo Menci, Luca Assereto, Iasmina Moraru (2), Marta Ferraris, Francesca Pugliese, Ambra Gambaro, Fabrizio Stegani, Federico Serain e Riccardo Caputo. Seconda classificata la Olimpia Savona del Maestro Giovanni Caddeo con le 7 medaglie d'oro di Davide Caviglia, Cecilia Romeo, Massimiliano Pongiglione (2), Nicolò Marchetti, Roberta Meraviglia, Martina Milioti; Terza classificata a sorpresa la Marassi del Maestro Rioccardo Persano con 5 medaglie d'oro di Elena Boiardi (2), Cristian Torarolo, Serena Mannarino e Nicolò Turco; Quarta la Polisportiva Città dei Ragazzi del Maestro Andrea Marcato con 5 medaglie d'oro di Gabriele Queirolo (2), Matteo Saglioni (2) e Vittorio Pittore; Quinta classificata la Hwasong del Maestro Bruno Cavanna con 3 medaglie d'oro di Rachele Vescovo (2) e Filippo Di Vincenzo.

La giovane della Scuola Genova ora sogna la Nazionale

Eleonora Traverso, tredicenne genovese in forza alla Scuola Genova, ha ottenuto una prestigiosa medaglia d’argento ai Campionati Europei per club di taekwondo, svoltisi dal 4 al 6 febbraio ad Antalya, in Turchia. Una sorta di “Champions League” per l’arte marziale coreana, che ogni anno raduna i migliori atleti da tutti i club del continente: circa 800 in questa edizione, provenienti da 26 nazioni. 

Tra di loro anche la rappresentativa genovese, che è sbarcata in terra turca con cinque atleti ottenendo una prestigiosa medaglia d’argento già nel primo giorno di gara: la giovanissima Eleonora Traverso ha prima sconfitto nettamente l’avversaria turca con il punteggio di 25 a 11 per poi arrendersi 10 a 4 in finale di fronte alla più esperta azera.

Una soddisfazione inaspettata, che la giovanissima atleta genovese ha vissuto alla prima competizione di alto livello della sua carriera: “Prima di salire sul tatami mi sentivo strana, non sapevo se avrei retto la tensione. Ma tutta l’ansia è svanita appena l’arbitro ha dato il via. Alla fine del primo round, poi, ero sicura: avrei vinto io”. Eleonora è giunta in Turchia accompagnata dal padre e dalla sorella, anch’essi praticanti di taekwondo. “Allenarmi e condividere questo aspetto della mia vita con la mia famiglia è un’opportunità unica, di cui sono davvero orgogliosa. Questa medaglia la dedico a loro, ai mei compagni e al mio maestro”.

Per Eleonora sono arrivati anche i complimenti della Federazione Italiana Taekwondo, che ha dedicato alla sua impresa un post sulla propria pagina Facebook, in attesa, chissà, di convocarla per i prossimi raduni nazionali. “Se mi chiameranno sarà per me un sogno – dichiara Eleonora -  in ogni caso continuerò ad allenarmi per farmi trovare pronta ai prossimi appuntamenti”.

Sorride soddisfatto anche il maestro, Pietro Fugazza: “Un risultato che appaga le tante fatiche che questi ragazzi sostengono ogni giorno, allenandosi duramente e con costanza. Abbiamo dimostrato di poter competere non soltanto in Italia, ma anche all’estero, con i migliori d’Europa”.

Gli fa eco il Presidente Regionale Laura Toma: “Ogni anno il nostro movimento si distingue per risultati prestigiosi, sempre più spesso conquistati dalle giovani leve, a dimostrazione del buon lavoro svolto dai maestri sul territorio.”

Si fermano prima della zona medaglia, invece, gli altri genovesi impegnati nella competizione: Vingelle D’Agostino, Erica Brugola e Andrea Fossa. 

Per loro la possibilità di rifarsi già nel prossimo mese di Marzo, quando saranno in programma i Campionati Italiani.

SABATO 28 E DOMENICA 29 GENNAIO A BUSTO ARSIZIO SI E' DISPUTATA LA INSUBRIA CUP, torneo internazionale con 1.600 atleti partecipanti.

La Liguria ha ben figurato ed in particolare la Scuola Taekwondo Genova si è classificata al 6° posto fra le oltre 200 società partecipanti conquistando 5 medaglie d'oro con Giulia Monteforte nella categoria Seniores Nere -49 kg, Giorgia Pirino Cadetti Nere +59kg, Giulia Corsanego Juniores Nere -44kg, Glisha Radu Cadetti B -30kg e Nicolò Venuto Esordienti -37kg. Argenti inportanti (8) come quello di Margherita Ramella seniores Nere -57 kg che perde la finale 4-5 contro l'atleta austriaca, e quelli di Giacomo Augeri, Ludovica Fugazza, Alice Rubba, Iasmina Moraru, Paolo Dogliotti, Enrico Piacenza e Luca Cedeno. Arricchiscono il bottino anche  i meritati 7 bronzi di Augusto Campazzo, Eleonora Traverso, Ludovica Serain, Lucrezia Maloberti, Federico Serain, Lorenzo Rota e Greta Peyrone.

Commento del Maestro Pietro Fugazza: "Risultati positivi per tutti con un pizzico di rammarico per tre finali perse di un solo punto che avrebbero portato la scuola al secondo posto in classifica. Il sesto posto è comunque un ottimo risultato viste le oltre 200 società presenti provenienti da tutta Italia e dall'Europa. Per noi, questa era una gara di preparazione per i prossimi Campionati Europei per Club in Turchia del prossimo fine settimana e per arrivare ai campionati italiani di marzo e aprile al top di forma, un buon test e per alcuni l'occasione di rimettere la testa sul tappeto di gara dopo la pausa delle festività natalizie.